Olbia 24.03 °C
12 Mar 2024, 11.13 AM

La biblioteca universitaria di Olbia intitolata a don Raimondo Satta

Un altro passo avanti nella trasformazione di Olbia in una città universitaria e dell'istruzione. Il Comune ha recentemente approvato una delibera che pone le basi per la creazione di una nuova biblioteca universitaria al servizio della comunità e degli studenti. Sarà realizzata accanto al palazzo di Olbia Expo, che oggi ospita la sede del Consorzio Polo Universitario Olbia, noto come UniOlbia. 

La futura biblioteca sarà intitolata a don Raimondo Satta, figura emblematica della comunità olbiese e gallurese e uno dei fondatori di UniOlbia. 

Nato nel 1960 e scomparso nel giugno del 2022, don Raimondo Satta ha lasciato un'impronta indelebile nella vita religiosa e accademica della regione, distinguendosi per la sua dedizione e il suo spirito di servizio per la comunità.

La sua opera nella chiesa di Stella Maris di Porto Cervo, la direzione dell'Istituto Euromediterraneo e dell'Istituto superiore di scienze religiose di Sassari-Tempio Ampurias, i suoi numerosi libri, tutto questo testimonia l'impegno di don Raimondo Satta nel promuovere l'istruzione e la cultura nella Gallura.

La delibera comunale sottolinea l'importanza di don Satta non solo come guida spirituale e intellettuale ma anche come pilastro fondamentale nella creazione del consorzio universitario UniOlbia. Don Raimondo è stato anche, fino alla morte, consigliere di amministrazione di UniOlbia. 

La biblioteca universitaria è concepita come un centro di risorse per gli studenti e la comunità, dotata di sale lettura, una zona accoglienza, un'aula per proiezioni e spazi dedicati a internet. Ci sarà anche la costituzione di un fondo librario fratelli Satta. Don Gianni Satta, fratello di don Raimondo, è il parroco della chiesa di San Paolo a Olbia, a pochi passi dalla nuova biblioteca.

Questo progetto non solo arricchirà l'offerta formativa di UniOlbia ma diventerà anche un punto di riferimento culturale per l'intera città.

Olbia diventa sempre di più - come si legge nel titolo della delibera comunale - “città universitaria e dell’istruzione”.

Foto: consorziocostasmeralda.com